Art Markman_Linkiesta
Ispirare Intervista 27 Marzo Mar 2020 0718 27 marzo 2020

Lo psicologo Art Markman: «Sapere come funziona la mente vi aiuterà ad avere successo nel lavoro»

Sei sicuro che il lavoro che fai sia quello giusto per te? Il libro “Bring your brain to work” applica i principi delle scienze cognitive al contesto lavorativo per migliorare il proprio percorso professionale

  • ...

Quante volte capita di pensare seriamente a dove si è professionalmente, chiedendosi se davvero si sta facendo ciò che si vuole fare? Secondo Art Markman, professore di Psicologia e marketing all’Università del Texas di Austin, bisognerebbe interrogarsi sulla propria vita lavorativa almeno una volta all’anno. Un lavoratore a tempo pieno, infatti, trascorre circa 70.000 ore al lavoro nel corso della propria vita, ma difficilmente si fa delle domande. Mentre invece si tratterebbe di una pratica più che necessaria per assicurarsi di essere felici del proprio lavoro. Al tema Markman ha dedicato un libro, “Bring Your Brain to Work. Using Cognitive Science to Get a Job, Do It Well, and Advance you Career”, in cui spiega come la scienza cognitiva, cioè l’insieme delle discipline che puntano a illustrare il funzionamento della mente, sia uno strumento estremamente utile per capire meglio se stessi e gli altri. E in particolare per arrivare a fare tre cose (quelle citate nel titolo): ottenere un lavoro, farlo bene, e far crescere la propria carriera, usando semplici ma efficaci espedienti psicologici. Per saperne di più, ne abbiamo parlato direttamente con lui.

A chi si rivolge questo libro?
Questo libro è rivolto a chiunque voglia provare a pensare alla propria carriera in termini diversi. Coloro che stanno entrando adesso nel mondo del lavoro trarranno beneficio dal sapere come le scienze cognitive possano cambiare la loro prospettiva quando fanno domanda per un impiego. I suggerimenti per essere più produttivi, sia come dipendenti che come leader, possono essere preziosi per tutto l’arco della carriera. Le persone che desiderano sentirsi più positive riguardo al proprio percorso troveranno molte nuove informazioni nelle sezioni sulla ricerca di un nuovo lavoro.

Le persone non si interrogano abbastanza su se stesse perché sono troppo occupate o perché preferiscono non porsi domande difficili? O forse entrambe le cose?
Il moderno ambiente di lavoro non offre molte opportunità di riflessione. In molte aziende, le valutazioni annuali vengono eseguite senza molta autoanalisi. Di conseguenza, le persone non sono incoraggiate a riflettere profondamente su quali aspetti della loro carriera siano soddisfacenti per se stessi. È un peccato che non si incoraggino le persone a pensare di più alla propria soddisfazione sul lavoro, considerando come ciascuno trascorra circa 70.000 ore al lavoro nel corso della propria carriera.

Quali sono le domande più importanti che ci si dovrebbe porre?
Una domanda chiave riguarda i valori fondamentali della persona. In generale, si è più soddisfatti di un lavoro che consenta di esprimere valori profondi. Alcune persone apprezzano l’opportunità di essere al servizio della propria comunità. Altre persone apprezzano le tradizioni della loro società. Altri ancora apprezzano il successo e il progresso. Inoltre, questi valori possono cambiare nel tempo, quindi le persone dovrebbero valutare se un lavoro che hanno trovato soddisfacente in passato non rifletta più le loro priorità oggi.

Una seconda domanda chiave riguarda i sentimenti che si hanno riguardo alla missione dell’organizzazione per cui si lavora. Molte ricerche suggeriscono che le persone si sentono meglio riguardo al proprio lavoro quando credono che questo sia espressione di qualcosa di più significativo dei semplici compiti che svolgono. Questo scopo più grande consente alle persone di vedere il proprio lavoro come una “chiamata” e non solo come una fonte di stipendio.

Bisognerebbe anche chiedersi se ci si trova in una posizione che consenta di accrescere le proprie conoscenze e abilità. Per molte persone, la sfida di apprendere cose nuove è un aspetto eccitante della propria carriera.

Presta attenzione a come ti senti al mattino e alla fine della settimana lavorativa. Se non hai voglia di alzarti dal letto la mattina e se non vedi l’ora del fine settimana, probabilmente non stai intraprendendo una carriera che soddisfa le tue esigenze

Art Markman

Come si fa a sapere se il proprio lavoro è giusto per sé?
La corrispondenza tra la tua carriera e i tuoi valori fondamentali è una componente fondamentale del sentirsi bene riguardo alla propria carriera. È anche probabile che ci si senta bene con il proprio percorso quando il lavoro che si fa si adatta alle caratteristiche della personalità sottostante. Se sei una persona che ha bisogno di molta stimolazione sociale, ad esempio, può essere difficile essere a proprio agio con un lavoro che ti isola per gran parte della giornata. Allo stesso modo, se ti piace essere creativo al lavoro, potresti avere difficoltà a impegnarti in attività ripetitive durante il giorno.

Presta attenzione a come ti senti al mattino e alla fine della settimana lavorativa. Se non hai voglia di alzarti dal letto la mattina e se non vedi l’ora del fine settimana, probabilmente non stai intraprendendo una carriera che soddisfa le tue esigenze. Con tutto il tempo che passi al lavoro nella tua vita, vale la pena di trovare un modo per ottenere soddisfazione da ciò che fai.

Qual è il modo migliore per valutare le proprie debolezze e desideri, e come muoversi a riguardo?
Inizia cercando le fonti di fallimento sistematico nella tua vita. Quali obiettivi sul lavoro volevi veramente raggiungere, senza riuscire ad arrivarci? Quei fallimenti sistematici sono il segno che potrebbe mancarti qualche abilità, oppure che non sei stato in grado di orientare il tuo lavoro attorno a quell’obiettivo.

Sfortunatamente a volte può essere difficile diagnosticare ciò che è necessario migliorare per assicurarsi di raggiungere tali obiettivi. Di conseguenza, è di assoluta importanza trovare dei mentori che possano aiutarti a riconoscere quali abilità devi migliorare e che possano suggerirti dei modi per affrontare le tue debolezze. Il modo migliore per trovare un mentore è quello di cercare persone nella tua azienda o nella tua comunità che abbiano successo nel modo in cui lo intendi tu, e di contattarle per chiedere aiuto.

In che modo la scienza cognitiva può essere di aiuto per raggiungere questo obiettivo?
Una delle cose che la scienza cognitiva ci insegna è la sindrome dell’impostore. Si tratta della convinzione di non appartenere al ruolo per cui sei stato assunto. Quando le persone soffrono di sindrome dell’impostore, sono riluttanti ad ammettere le loro debolezze, perché credono che se altre persone vedessero quelle debolezze, questo dimostrerebbe che non sono tagliati per il loro lavoro. Purtroppo, se non si affrontano esplicitamente i propri punti deboli, è improbabile che si possano imparare le abilità chiave necessarie per ottenere prestazioni migliori in futuro.

Una grande ragione per cui si verifica la sindrome dell’impostore è che giudichiamo le altre persone in base al loro comportamento, perché non possiamo sapere cosa pensano e sentono. Di conseguenza, non vedendo le insicurezze che hanno altre persone, è facile per ognuno di noi presumere di essere i soli ad avere dei dubbi. Una volta che ci rendiamo conto che ognuno deve acquisire nuove abilità per poter svolgere il proprio lavoro, allora diventa più facile ammettere le nostre debolezze e cercare aiuto.

Spesso, l’illusione del controllo ci porta a sopravvalutare la probabilità di avere successo quando facciamo domanda per un lavoro

Art Markman

Quali sono i tre consigli chiave che darebbe per migliorare la propria vita lavorativa?
Un suggerimento chiave è di dedicare del tempo ogni settimana a imparare qualcosa di nuovo. In particolare, bisognerebbe informarsi non solo sulle cose che possono aiutare a svolgere il proprio lavoro adesso, ma anche sulle cose che sembrano scollegate dal proprio impiego attuale. Le persone più creative hanno una grande base di conoscenza che sanno usare per risolvere i problemi. Non si può mai sapere quando qualcosa che si è imparato potrà essere utile per risolvere un problema al lavoro.

In secondo luogo, occorre prendersi del tempo per migliorare le proprie abilità interpersonali. Non importa quanto tecnico sia il tuo lavoro: molti dei problemi più difficili che bisogna affrontare sul posto di lavoro derivano da conflitti interpersonali. Migliore sarà la collaborazione con gli altri e la capacità di fare squadra per affrontare problemi difficili, maggiori saranno le probabilità di successo.

Terzo, se c’è qualcosa di cui hai bisogno al lavoro, chiedilo. Spesso, le persone presumono che il loro capo sappia esattamente di cosa i suoi sottoposti hanno bisogno per avere successo. Tuttavia, i propri desideri e le proprie esigenze non sgorgano semplicemente da se stessi per essere viste dagli altri. Se c'è qualcosa che vuoi che ti renderà più capace di fare il tuo lavoro, allora chiedilo. La cosa peggiore che può succedere è che il tuo capo ti dirà che non può aiutarti in questo momento.

Come far fronte a fattori esterni – età, difficoltà del mercato del lavoro, background di studi – se si pensa di voler cambiare lavoro?
C’è molta casualità nel mercato del lavoro. Bisogna sempre fare domanda per un numero di posti di lavoro molto più alto di quanto si pensi di voler fare, perché spesso i datori di lavoro pubblicizzano posti di lavoro per i quali hanno già in mente qualcuno, ma devono comunque fare colloqui. Spesso, l’illusione del controllo ci porta a sopravvalutare la probabilità di avere successo quando facciamo domanda per un lavoro.

Un altro fattore chiave per ottenere un nuovo lavoro è che spesso è più facile ottenerlo quando si ha una connessione personale con l’azienda. Se hai perso un lavoro o stai invecchiando, devi rimanere in contatto con l’ambiente lavorativo per mantenere quei contatti sociali. È allettante l’idea di fare domanda per un lavoro e rimanere a casa, facendo cose per tenersi occupati. Ma è molto più utile intraprendere del volontariato per gruppi governativi, civili o religiosi. Queste posizioni di volontariato ti metteranno in contatto con molte altre persone, alcune delle quali potrebbero essere in cerca di qualcuno da assumere.

Inoltre, sii espansivo nel pensare alle competenze che porti sul posto di lavoro. Spesso ci concentriamo sulle competenze tecniche quando pensiamo ai lavori. Tuttavia, se hai altre abilità interpersonali o organizzative chiave, cerca lavori che possano trarre vantaggio dalla tua esperienza e saggezza. Potresti essere in grado di contribuire a un’organizzazione in molti modi, non solo facendo lavori simili a quelli che hai fatto in passato.

Questi consigli valgono anche per gli studenti?
Da sempre c’è molta pressione affinché gli studenti universitari si concentrino principalmente sulle abilità tecniche o aziendali. Di conseguenza, gli studenti evitano le discipline umanistiche e le scienze sociali e cognitive. Tuttavia, a distanza di dieci anni i laureati nelle arti guadagnano tanto quanto (e talvolta di più) degli studenti di finanza. Questo perché le discipline umanistiche e le scienze sociali e cognitive offrono agli studenti una prospettiva di come le persone funzionano in termini di individui, gruppi e culture. Per avere successo, gli studenti dovrebbero consolidare le loro competenze tecniche e commerciali con la comprensione delle persone.

Ricorda che tutti hanno una mente, ma poche persone sanno come funziona quella mente. Più impari sul modo in cui tu e le altre persone pensate, meglio sarai in grado di affrontare i complessi problemi che fanno parte di qualsiasi percorso professionale.

 Vuoi ricevere la nostra Newsletter?

Registrandomi dichiaro di aver preso visione dell’ Informativa Privacy e dichiaro di voler ricevere la newsletter